La compravendita di auto usate genera 11,9 miliardi. Soprattutto online

Dopo il lockdown la ripartenza del settore auto passa anche per la Second Hand Economy, una forma di economia circolare sempre più rilevante. Tanto che la compravendita di veicoli usati nel nostro Paese ha generato un volume di affari pari a 11,9 miliardi di euro nel 2019. Quasi il 50% del valore totale stimato dell’economia dell’usato, che in Italia nel 2019 valeva 24 miliardi di euro, pari all’1,3% del Pil. E l’online gioca un ruolo di primo piano nella crescita dell’economia dell’usato. Lo rivela l’Osservatorio Second Hand Economy, condotto da BVA Doxa per Subito. E la ricerca ha evidenziato come proprio i “motori” giochino un ruolo fondamentale nel settore della compravendita dell’usato in Italia.

Il del 70% della crescita si deve al mercato online

“Si tratta di una grande opportunità per ripartire – dichiara Andrea Volontè, head of Automotive di Subito – tanto che sempre più operatori del settore chiedono a gran voce incentivi non solo sul nuovo, ma anche sull’usato ‘fresco’, che costituisce un’ottima opportunità per svecchiare il parco circolante e renderlo meno inquinante”.

Se nel 2019 il mondo dei veicoli ha generato un volume di affari online pari a 4,7 miliardi euro l’online gioca un ruolo decisivo nella crescita dell’economia dell’usato. Basti pensare che è responsabile del 70% della crescita assoluta anno su anno (700 milioni su 1 miliardo). Cresce infatti tra gli italiani soprattutto la ricerca di auto usate online, considerato non solo il punto di partenza, ma anche di arrivo per chi vuole acquistare o vendere una vettura.

Il 42% di chi ha comprato veicoli usati nel 2019 lo ha fatto sul web

In generale, il 42% di chi ha comprato veicoli usati nel 2019 dichiara di averlo fatto online, un dato in crescita rispetto al 2018 (37%). La preferenza è per auto e relativi accessori (pari merito al 17%), seguiti da moto e scooter (9%) e relativi accessori (5%), nautica, caravan e camper, veicoli commerciali. Il canale offline si ferma invece al 18%, in calo rispetto all’anno precedente (20%), riferisce Ansa. Per quanto riguarda la vendita, gli italiani vendono principalmente online veicoli per il 26% contro il 13% offline, con una preferenza per auto (11%) e relativi accessori (8%), moto e scooter (5%) e relativi accessori, caravan e camper, nautica.

Grazie all’usato i premium brand diventano accessibili

Tra le motivazioni principali che spingono alla ricerca di un’auto usata online rientrano l’immediatezza e la facilità di utilizzo del web, la possibilità di trovare in poco tempo quello che si sta cercando, e quella di avere accesso a un’offerta più ampia rispetto ai canali tradizionali. Ma anche la possibilità di trovare l’auto che si desidera a un prezzo competitivo, che vale non solo per le auto ‘entry level’, ma anche per i premium brand. Che grazie all’usato diventano più accessibili. Su Subito.it, ad esempio, BMW, Mercedes e Audi si confermano da anni i 3 brand più cercati dagli utenti.


Comments are closed